Regione Veneto

Buoni spesa per i beni di prima necessità

Pubblicata il 07/04/2020

AVVISO PER L'ASSEGNAZIONE Dl BUONI SPESA URGENTI IN RELAZIONE ALLA SITUAZIONE ECONOMICA DETERMINATASI PER EFFETTO DELLE CONSEGUENZE DELL'EMERGENZA COVID-19 FINALITA' DELL'AVVISO
 
Con questa iniziativa il Comune di Nervesa della Battaglia intende sostenere i nuclei familiari che si trovano in stato di bisogno a causa dell'emergenza epidemiologica da virus Covid-19, garantendo a tutti i cittadini l'accesso ai generi alimentari e ai prodotti di prima necessità - Ordinanza della Protezione Civile n. 658/2020.

DESTINATARI
Possono presentare domanda tutti i cittadini residenti nel Comune di Nervesa della Battaglia che si trovino in stato di bisogno, determinato dalla contingente difficoltà economico-finanziaria.
Sono esclusi dal beneficio coloro che dispongono di depositi bancari/postali superiori ad € 5.000,00 alla data del 29.03.2020 (situazione che l'Amministrazione si riserva di verificare).
ln particolare è rivolta ai nuclei familiari che si trovano con entrate limitate e con scarsa liquidità e non già assegnatari di altro sostegno pubblico.
Può presentare domanda un solo componente per nucleo familiare anagrafico.
 
DOMANDA PER BUONO SPESA
Il modulo di domanda, reperibile nel sito internet del Comune di Nervesa della Battaglia, prevede l'autocertificazione del proprio stato di bisogno tale da non garantire il soddisfacimento dei bisogni primari del proprio nucleo anagrafico (acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità). Inoltre, nella domanda viene dichiarato se il nucleo è beneficiario di sostegni pubblici e, in caso affermativo, dei relativi importi.
 
PRESENTAZIONE DOMANDE
A decorrere dal 07 aprile 2020 le domande, debitamente compilate, firmate e con allegata copia del documento di identità del sottoscrittore, dovranno essere presentate nelle seguenti modalità:
  1. via e-mail a servizisociali@comune.nervesa.tv.it, indicando nell'oggetto "ISTANZA BUONI PASTO COVID-19", il richiedente scarica la domanda, la compila e la firma, la acquisisce tramite scanner/tramite foto e la invia alla mail indicata
  2. telefonicamente al numeri 0422 886240, l'operatore compilerà ed acquisirà la domanda telefonicamente, solo successivamente, tramite i volontari della Protezione Civile, verrà recuperata la firma del richiedente, la compilazione telefonica sarà attiva dalle ore 9.00 alle ore 11.00, tutti i giorni;
  3. via whatsapp al numero 3488588808, dopo aver scaricato e debitamente compilato la domanda;
  4. presso la sede comunale, se necessario, previo appuntamento telefonico al numero 0422 886240.
Al fine di evitare assembramenti va evitata, più possibile, la consegna della domanda recandosi fisicamente presso la sede dei Servizi sociali.
 
Il Comune attiverà controlli a campione sulla veridicità dei requisiti dichiarati nell'autocertificazione.
 
VALUTAZIONE DOMANDE
Il Servizio Sociale, su base giornaliera, verificherà la completezza delle domande e ne predisporrà la valutazione tecnica. Le domande verranno accolte nei limiti delle risorse disponibili.
Per la valutazione relativa all'assegnazione del buono spesa si considerano i seguenti criteri preferenziali:
  1. Nuclei familiari o persone singole già in carico al Servizio Sociale per situazioni di criticità, fragilità, multi problematicità, purché non beneficiarie di Reddito di Inclusione o di Reddito di Cittadinanza. In questa tipologia sono compresi:
  • nuclei mono genitoriali privi di reddito o in situazione economica tale da non poter soddisfare i bisogni primari dei minori;
  • presenza nel nucleo familiare di disabilità permanenti associate a disagio economico;
  • nuclei familiari con situazioni di patologie che determinano una situazione di disagio socioeconomico;
  • nuclei familiari di cui facciano parte minori;
  1. Nuclei familiari monoreddito il cui titolare ha richiesto trattamento di sostegno al reddito o il datore di lavoro ha richiesto ammissione al trattamento di sostegno del reddito, ai sensi del D.L. 18/2020, o il datore di lavoro abbia sospeso e/o ridotto l’orario di lavoro per cause non riconducibili a responsabilità del lavoratore. Lavoratori autonomi che, in conseguenza delle limitazioni poste dai decreti ministeriali relativi al periodo di emergenza epidemiologica in corso, abbiano dovuto ridurre o sospendere l’attività lavorativa.
  2. Nuclei familiari privi di reddito purché non beneficiarie di Reddito di Inclusione o di Reddito di Cittadinanza;
ln caso di nuclei con componenti titolari di altri contributi pubblici (ad es., reddito di cittadinanza, cassa integrazione, NASPI o altro) gli stessi potranno eventualmente beneficiare della misura, sulla base di attestazione da parte dell'Ufficio dei Servizi Sociali dello stato di necessità. ln particolare sarà tenuta in considerazione l'entità del contributo percepito, il carico familiare (presenza di minori e disabili), e altri indicatori di disagio sociale dichiarati nella domanda.
 
Per gli utenti assegnatari del pacco alimentare, gli stessi potranno usufruire del beneficio in misura ridotta, in seguito a valutazione effettuata dall’Ufficio Servizi Sociali, dando priorità, in ogni caso, a coloro che non usufruiscono di ulteriori benefici pubblici.
 
Viene altresì richiesto ai fini dell'ammissione di autodichiarare di non disporre di una giacenza bancaria/postale superiore € 5.000,00 alla data del 29.03.2020,
 
L'Amministrazione Comunale provvederà a verifiche a campione sulle dichiarazioni ai sensi dell'art. 71 del D.P.R. 28.122000, n. 445; per il caso di dichiarazioni mendaci si applicano le sanzioni penali così come stabilito dagli articoli 75 e 76 del citato D.P.R. n. 445/2000.
 
VALORE BUONO SPESA
Il buono spesa è commisurato al numero di componenti del nucleo familiare e determinato nella seguente misura di fabbisogno settimanale:
  • € 70,00 per un nucleo composto da una sola persona;
  • € 120,00 per un nucleo composto da due persone;
  • € 150,00 per un nucleo composto da tre persone;
  • € 180,00 per un nucleo composto da quattro persone;
  • € 200,00 per un nucleo composto da cinque persone o più persone.
E' riservata ai Servizi Sociali la possibilità di graduare in misura diversa da quanto sopra stabilito per il fabbisogno settimanale per peculiari e documentate situazioni familiari del richiedente, previa motivata istruttoria.
 
Il fabbisogno settimanale è riconosciuto mediante buoni spesa - "voucher comunali" del valore di € 10,00, € 20,00 e € 50,00.
 
ln fase di prima applicazione il fabbisogno sarà riconosciuto per due settimane.

Si precisa che il buono spesa:
  • dà diritto all’acquisto di prodotti alimentari, compresi quelli in promozione, e prodotti di prima necessità (ad es. prodotto per riscaldamento, bombole a gas, farmaci e igiene personale);
  • sono esclusi dal buono spesa:
    • Bevande alcoliche, di ogni gradazione;
    • Bevande analcoliche quali bibite ed energy drinks e simili;
    • Prodotti per il giardinaggio;
    • Calzature;
    • Abbigliamento
    • Tabacchi.
  • deve essere speso esclusivamente presso gli operatori economici convenzionati con l’Ente;
  • non è cedibile;
  • non è utilizzabile quale denaro contante e non dà diritto a resto in contanti;
  • comporta l’obbligo per il fruitore, di regolare in contanti, l’eventuale differenza in eccesso tra il valore facciale del buono ed il prezzo dei beni acquistati.
Il buono costituisce voucher emesso ai sensi dell'art. 6-quater del DPR n. 633/1972.
 
MODALITA' Dl CONSEGNA BUONI SPESA
Nel rispetto delle ordinanze in vigore, al fine di limitare gli spostamenti, i buoni spesa verranno consegnati al richiedente, all'indirizzo comunicato, attraverso i volontari del Nucleo Comunale di Protezione Civile.
 
OBBLIGHI DEI BENEFICIARI
I beneficiari possono utilizzare i buoni spesa solo per i seguenti acquisti
  • spese alimentari (ad esclusione delle bevande alcoliche e dei tabacchi);
  • prodotti per l’igiene personale e della casa;
  • farmaci;
  • pellet,  bombola di gas e altri beni per il riscaldamento.
Sono esclusi gli acquisti di tabacchi, alcolici e superalcolici, schede telefoniche, Gratta e Vinci o simili, e il pagamento di bollette utenze.
 
Le spese potranno essere effettuate esclusivamente negli esercizi commerciali nonché nelle farmacie e parafarmacie aderenti all'iniziativa ed ammessi dal Comune il cui elenco è pubblicato sul sito comunale nel rispetto della normativa vigente che prevede la limitazione degli spostamenti.
L'elenco sarà in continua evoluzione in seguito ad ulteriori adesioni degli esercizi commerciali.
 
I beneficiari sono tenuti a conservare gli scontrini fiscali degli acquisti effettuati con i buoni spesa comunali per i successivi controlli da parte del Comune.
 
DOCUMENTI ED INFORMAZIONI
Per informazioni e supporto nella compilazione della domanda si possono contattare i Servizi Sociali Comunali al numero 0422-886240, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 12,30, oppure via e-mail all'indirizzo servizisociali@comune.nervesa.tv.it
 
Al fine di evitare assembramenti va evitata la richiesta di informazioni recandosi fisicamente presso la sede dei Servizi sociali.

TUTELA DELLA PRIVACY
Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) i dati personali forniti con la presentazione della domanda e comunque acquisiti per l'istruttoria della stessa saranno trattati secondo quanto stabilito nell'informativa pubblicata nel sito web del Comune di Nervesa della Battaglia accessibile dalla home page.

PER INFO
Servizi Sociali
Tel. 04222886240 - 0422886231
servizisociali@comune.nervesa.tv.it
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato ESERCIZI COMMERCIALI E FARMACIE ADERENTI ALL'INIZIATIVA BUONO SPESA.pdf 398.1 KB
Allegato NERVESA_modulo domanda buoni spesa EDITABILE 2.docx 31.44 KB
Allegato NERVESA_modulo domanda buoni spesa EDITABILE 2.pdf 343.33 KB

Categorie news

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto